Miotonia non distrofica e CORONAVIRUS

A chi di interesse
Ho ricevuto, in questi giorni di isolamento domiciliare dovuto all’ epidemia di Covid-19, più di una telefonata da parte di pazienti affetti da miotonie non distrofiche riguardo a una possibile aumentata suscettibilità a contrarre l’infezione o a una ridotta capacità di difesa in caso di infezione, rispetto alle persone non affette da miotonia. Voglio tranquillizzare le persone affette da miotonia non distrofica che né la prima né la seconda evenienza trovano alcun riscontro. Le persone affette da miotonia non distrofica non sono più esposte al contagio né sono più vulnerabili in caso di infezione rispetto a chi non è affetto da miotonia non distrofica. Quindi la miotonia non distrofica, in tutte le sue varianti, da alterazione dei canali del sodio e del cloro, non è da considerare una patologia in grado di ridurre le difese individuali nei confronti dell’infezione da Coronavirus.

Dr. Mauro Lo Monaco.

Lascia un commento